Piante acquario: guida per principianti

Una guida per principianti alle piante d'acquario è qualcosa che la maggior parte di noi acquariofili avrebbe trovato molto utile al suo primo acquario.
Speriamo che la nostra versione qui ti aiuti a trovare le piante giuste per il tuo acquario.

  • Hai mai visto un acquario espositivo ben piantato e avresti voluto poterlo avere anche tu nel tuo salotto?
  • Acquistate piante che sembrano poi scomparire in poche settimane e non sapete perché?
La nostra guida spiega alcuni degli errori che i principianti fanno spesso e offre alcuni suggerimenti sulla scelta delle specie giuste e su come prendersi cura di loro.


Perché teniamo le piante nel nostro acquario?

Oltre agli evidenti benefici estetici, le piante acquatiche vive migliorano anche la qualità dell'acqua nel tuo acquario. Oltre a consumare l'anidride carbonica (CO2) e l'ammoniaca (NH4) prodotti dai tuoi pesci, usano anche i nutrienti necessari per far crescere le alghe, in modo da ridurre o addirittura eliminare la crescita delle alghe nel tuo acquario. Forniscono anche una copertura per aiutare a mantenere il pesce libero dallo stress e forniscono confini naturali per le specie territoriali, nonché una copertura per i piccoli avannotti. Mi viene spesso chiesto da chi è nuovo all'hobby dell'acquario perché le piante che hanno comprato sono morte. Ci sono alcuni motivi per cui questo può accadere. Le piante hanno bisogno di una combinazione di luce, CO2, micronutrienti e macronutrienti per sopravvivere. Se qualcuno sta lottando per far crescere le proprie piante, inizio con tre domande per cercare di determinare quali siano i loro problemi.
Più spesso, il principiante chiedo alle lotte di darmi un nome di specie.
Il loro interesse tende a essere i loro pesci e le piante sono per molti un secondo pensiero. 
Le piante acquatiche variano in forma, dimensione e colore, oltre a presentare requisiti di illuminazione, alimentazione e parametri dell'acqua diversi.
Se aggiungi una specie che non è adatta al tuo acquario, farai fatica a mantenerli sani dal primo giorno.
È importante selezionare specie adatte al tuo acquario e, come principiante, cerca di evitare quelle con requisiti specifici impegnativi.
L'illuminazione dell'acquario a LED (Light Emitting Diode) è diventata estremamente popolare negli ultimi tempi, e con buone ragioni. Durano oltre 50.000 ore non emettono calore, quindi possono essere posizionati molto vicino alla superficie dell'acqua in modo che le tue piante beneficino maggiormente della luce che emettono. Le loro dimensioni ridotte e flessibili ti danno un elemento di flessibilità anche nel posizionamento. È anche possibile acquistare l'illuminazione a LED in stile tubo per adattarsi al posto dei tubi fluorescenti. . L'uso di un timer con l'unità luminosa ti garantirà di raggiungere questo obiettivo ogni giorno. Se dovessi iniziare a sperimentare la crescita delle alghe, riduci la quantità di tempo per cui le tue luci sono accese (il fotoperiodo) e monitora attentamente la situazione, apportando le modifiche necessarie, nella mia esperienza l'intensità della luce ha un effetto migliore sulla crescita delle piante rispetto al fotoperiodo.

Di quanta luce hanno bisogno le piante d'acquario?

Per quanto riguarda la quantità di luce, raccomandiamo che il tuo acquario abbia almeno 2 watt per gallone (4,54 litri) come minimo assoluto. Se possibile, mirare a 4 o anche 5 watt per gallone in quanto ciò garantirà una migliore crescita.
Come fertilizzi le piante nel tuo acquario ?
Sorprendentemente un gran numero di persone crede che i rifiuti prodotti dai loro pesci saranno sufficienti per mantenere le loro piante e non prendere mai in considerazione l'aggiunta di un fertilizzante per piante.
Questo è un grosso errore, probabilmente il più grande errore commesso dagli acquariofili.
Non aggiungendo fertilizzanti stai praticamente  facendo mancare dei nutrienti di cui hanno bisogno per sopravvivere. Anche se è vero che rifiuti dei pesci, il cibo non consumato e persino l'acqua del rubinetto forniranno alcuni dei nutrienti richiesti, non fornirà davvero tutto il necessario ed è molto probabile che si verifichino problemi come buchi nelle foglie, scolorimento, crescita stentata e foglie sottili e alla fine possono semplicemente morire. In ogni caso il tuo acquario non assomiglierà a quelle vasca ben piantumate che hai ammirato online o nel tuo negozio locale. Proprio come le piante terrestri richiedono sia macro che micro nutrienti, oltre a CO2 e luce.


Ora passiamo al substrato

Fondamentalmente sono quasi simili al suolo o sono composti da composti a base di argilla e, come suggerisce il nome, fanno parte del substrato del tuo acquario.
Realisticamente, questi possono essere aggiunti solo quando si imposta l'acquario da zero.
Se stai pensando di creare un serbatoio fortemente piantato, allora dovresti davvero considerare l'uso di fertilizzanti per substrati.
Sebbene costosi, durano per diversi anni e forniranno nutrienti sufficienti per molte piante forti e sane. Quasi tutti gli acquari con piante davvero impressionanti che potresti aver visto online hanno un fondo fertile.

Fertilizzanti per compresse

Molte marche di fertilizzanti per compresse sono prontamente disponibili. Le "compresse" ricche di nutrienti possono essere aggiunte direttamente al substrato, fornendo, tra gli altri, i nutrienti necessari per specie vegetali come Echinodorus, Cryptocoryne e Vallisneria. Un vantaggio che hanno è che le piante possono essere nutrite individualmente quando le si utilizza. Alcuni acquariofili li aggiungono anche quando aggiungono nuove piante al loro acquario.

Fertilizzanti liquidi
Questi sono di gran lunga il tipo più comune di fertilizzanti per acquari utilizzati oggi nell'hobby. Ci sono molti prodotti diversi disponibili sul mercato e bisogna fare attenzione a trovare un prodotto di alta qualità. Di solito, i fertilizzanti liquidi dovrebbero essere usati settimanalmente, sebbene controlli le istruzioni del singolo produttore poiché questo può variare. Sebbene siano ideali per le specie vegetali che assorbono i nutrienti direttamente attraverso il loro fogliame come l'Egeria densa e il muschio di java, non forniscono un'alimentazione sufficiente a specie come le piante amazzoniche, quindi l'acquariofilo potrebbe dover utilizzare una combinazione di compresse e fertilizzanti liquidi per alimentare tutte le loro piante.

Se hai un acquario pesantemente rifornito di pesci, prendi in considerazione l'uso di un fertilizzante liquido che non contenga azoto o fosforo. Questi due nutrienti saranno presenti negli scarti dei pesci e troppo nell'acquario può e provocherà una crescita indesiderata delle alghe.

CO2


Nessuna guida sulle piante da acquario sarebbe completa senza la menzione di anidride carbonica o CO2 in breve.

Le piante hanno bisogno del carbonio come ogni essere vivente e ricevono il loro attraverso l'anidride carbonica.

Alcune persone credono che sia necessario aggiungere CO2 all'acquario per una buona crescita delle piante. Sebbene ciò possa essere vero negli acquari contenenti un gran numero di piante d'acquario in cui la concorrenza per la CO2 è elevata o in cui l'acquario ha livelli di luce elevati che rendono le piante incapaci di far fronte alle esigenze della fotosintesi a causa della quantità di luce, essa non è sempre il caso di acquari scarsamente popolati con poche piante.

Detto questo, non si può negare che l'aggiunta di CO2 favorirà la crescita delle piante. Tuttavia l'aggiunta di CO2 è un argomento complesso e non dovrebbe essere aggiunto senza intraprendere ulteriori ricerche in quanto l'aggiunta di troppo può uccidere pesci e gamberetti e va oltre lo scopo di questa guida.



Una nota sulle piante rosse dell'acquario

 

Ci sono diverse specie e cultivar di piante acquatiche rosse disponibili sul mercato.

Queste sono molto popolari grazie al loro aspetto attraente.

Tuttavia, come regola generale, tendono ad avere bisogno di una quantità maggiore di luce rispetto alle loro controparti verdi e sono quindi più difficili da mantenere. Il loro aspetto rosso dipende spesso dal fatto che ricevano integratori di ferro, quindi se compri ad esempio un mazzo di piauhyensis Cabomba rossa e non aggiungi integratori di ferro il fogliame perderà la sua colorazione rossa e per un periodo di poche settimane inizieranno a esibire una colorazione più marrone.